I NUOVI SINDACI 2019

Domenica 26, i cittadini di Lainate, Pero, Pogliano Milanese e Vanzago – oltre alle europee – sono stati chiamati a eleggere il nuovo consiglio comunale e il nuovo sindaco. Ecco, Comune per Comune, come sono andate le elezioni amministrative 2019.

LAINATE – La situazione che si sta delineando potrebbe non prevedere alcun ballottaggio per Lainate. Andrea Tagliaferro ha raccolto il testimone del sindaco uscente Alberto Landonio e guiderà la città per i prossimi cinque anni. La coalizione di lista Landonio, Lainate nel cuore, Unione Democratica e Lista Anzani ha conquistato il 53,49% delle preferenze. Gli altri candidati hanno raccolto il 23,40% (Maurizio Frezza), 15,03% (Sara Rubino), 5,79% (Giuseppe Perfetti) e 2,28% (Mattia Bertani).

PERO – Testa a testa a Pero tra il sindaco uscente Maria Rosa Belotti (Insieme in Comune) e Riccardo Corrado Ursini (Noi per cambiare – centrodestra). Alla fine è stata la prima cittadina uscente ad avere la meglio: Belotti è stata riconfermata con il 30,79% delle preferenze, distanziando l’esponente leghista di poco (28,36%). Gli altri candidati si sono fermati al 18,08% (Daniela Bossi – Gente di Pero), 14,34% (Paola Molesini – Lista civica Agorà) e 8,44% (Alfredo Minorchio – Movimento 5 Stelle). L’affluenza al voto è stata pari al 65,49%.

POGLIANO MILANESE – Il centrodestra continuerà a guidare Pogliano Milanese. L’assessore uscente Carmine Lavanga è il nuovo sindaco e raccoglie il testimone di Magistrelli. La sua lista ha raccolto il 51,78%, mentre Vivere Pogliano ha conquistato il 38,06% e il Movimento 5 Stelle il 10,16%.

VANZAGO – Percentuali da plebiscito a Vanzago: il sindaco uscente Guido Sangiovanni (Insieme in Cammino) ha conquistato il 62,07%. La sfidante Giulia Garavaglia, invece, si è fermata al 37,93%.